- Tariffe 2018

- Tariffe anno 2017

- Tariffe anni 2015 - 2016   Delibera    CC n° 37/2015

le tariffe del SII 2017 e 2018, benchè approvate dal C.C.,
non sono applicabili fin quando non saranno definitivamente approvate dai competenti ATI (Assemblea
territoriale Idrico) di Palermo e ARERA (ex AEEGSI), in conformità alla normativa vigente in materia.

 

 

 

 

Servizio Idrico

(competente per la bollettazione/fatturazione consumi idrici, in riferimento alla gestione che è ritornata in capo al Comune a far data dall'11.03.2015, nonchè per il periodo precedente al settembre 2008)

Per il periodo compreso tra il mese di settembre 2008 al 10.03.2015 è competente il precedente gestore del SII: APS-ATO 1 Palermo, in liquidazione.

Responsabile del Settore: Rag. Salvatore Federico

Responsabile del Servizio del Procedimento Uff. S.I.I - Tributi: Geom. Salvatore Biondolillo

Orari di ricevimento al pubblico:

Lunedi e Venerdi dalle ore 9,30 alle ore 12,30
Mercoledi dalle ore 15,30 alle ore 17,30

CONTATTI UTILI:

Uff. Tributi - Idrico
Tel. 0918999711 (interno 350 - 337)
Fax. 0918999778
e-mail:servizioidrico@comune.cerda.pa.it

Uff. Tecnico - Idrico
Tel. 0918999711 (interno 200 - 208)
Fax. 0918999778
e-mail:ufftec@comune.cerda.pa.it

INFORMAZIONI

  1. Questo Ufficio è competente in merito alla bollettazione/fatturazione dei consumi idrici e relativi pagamenti.

  2. Si comunica che l’utente può effettuare e comunicare l’autolettura, dei consumi rilevabili dal contatore.
     
  3. Si specifica che l’Ufficio competente in merito ai contratti di allaccio utenze, volture, ecc., nonché alla distribuzione dell’acqua e ai servizi connessi (fognatura, depurazione, ecc.), è l’Ufficio Tecnico Comunale – S.I.I..

 

AVVISI:

20/09/2018 - Avviso - Moduli
comunicato emanato dalla competente ARERA, nonchè i relativi moduli per la richiesta dello stesso bonus.
Per ulteriori informazioni/documentazione, potranno essere  consultati i siti dell'ARERA (ex AEEGSI): www.arera.it e dell'ANCI: www.sgate.anci.it

------------------------------------------------------------

-        Acqua: dal 2018 nuovo Bonus sociale idrico per le famiglie in condizioni di disagio economico si potrà richiedere da luglio:
Milano, 22 dicembre 2017
Dal 2018 gli utenti del settore idrico in condizioni di disagio economico potranno usufruire di uno sconto in bolletta attraverso il Bonus sociale idrico. All'agevolazione potranno accedere tutti i nuclei familiari con Indicatore di situazione economica equivalente (Isee) inferiore a 8.107,50 euro, limite che sale a 20.000 euro se si hanno più di 3 figli fiscalmente a carico, le condizioni già previste per usufruire del bonus elettrico e gas.
La richiesta va presentata al proprio comune di residenza (o ai Caf delegati dal comune) congiuntamente alla domanda per il bonus elettrico e/o gas e, quando accettata, permetterà di usufruire di uno sconto in bolletta pari al costo di 18,25 mc annui (equivalenti a 50 litri al giorno, cioè il quantitativo minimo stabilito per legge per il soddisfacimento dei bisogni personali) per ciascun componente il nucleo familiare. Lo sconto verrà erogato direttamente in bolletta per chi ha un contratto diretto, mentre l'utente indiretto, cioè la famiglia che vive in un condominio e non ha un contratto proprio di fornitura idrica, riceverà il Bonus sociale in un'unica soluzione dal gestore del servizio idrico con le modalità individuate da quest'ultimo (ad esempio su conto corrente o con assegno circolare non trasferibile).
Potranno automaticamente usufruire del bonus idrico, analogamente a quanto previsto per il bonus elettrico e gas dal decreto legislativo 147/2017 che ha introdotto il Reddito di inclusione, anche i titolari di Carta Acquisti o di Carta ReI.
L'agevolazione è stata introdotta dall'Autorità con la delibera 897/2017/R/idr, a seguito della previsione del d.P.C.M. 13 ottobre 2016 [1].
La richiesta di Bonus per il solo 2018 potrà essere presentata (congiuntamente a quella per il bonus elettrico e/o gas) solo dal 1° luglio, poiché è necessario verificare ancora alcuni aspetti implementativi e rendere operativi i sistemi informativi dei comuni e dei gestori, ma consentirà comunque al richiedente di vedersi riconosciuto un ammontare una tantum a partire dal 1° gennaio. La modulistica da utilizzare sarà resa disponibile sul sito internet dell'Autorità www.autorita.energia.it) e pubblicata anche sul sito del gestore, dell'Ente di governo dell'ambito territorialmente competente e sul sito dedicato dell'Anci (www.sgate.anci.it).
Gli Enti di governo dell'ambito competenti per territorio avranno poi facoltà di introdurre (o confermare, qualora fosse già previsto) un Bonus idrico integrativo su base locale, quale misura di tutela ulteriore rispetto a quella minima prevista a favore degli utenti in condizioni di vulnerabilità economica dalla regolazione di settore, riconoscendo all'utente un ammontare aggiuntivo o ampliando la soglia Isee prevista per l'ammissione al Bonus.
La delibera 897/2017/R/idr è disponibile sul sito.

[1] A decorrere dal 1° gennaio 2018 è istituita la componente tariffaria UI3 per la perequazione dei costi relativi all'erogazione del bonus sociale idrico, espressa in centesimi di euro per metro cubo ed applicata a tutte le utenze del servizio idrico integrato, diverse da quelle (dirette) in condizioni di disagio economico sociale, come maggiorazione al corrispettivo di acquedotto.

 

-       Si invitano gli utenti a verificare il pagamento delle precedenti fatture, al fine di evitare, a causa di eventuale morosità, l’avvio del procedimento di sospensione dell’erogazione dell’acqua e il contestuale recupero coattivo del credito, in conformità alla normativa ed ai regolamenti, vigenti in materia.

-       Si rammenta che la procedura di sospensione dell’erogazione dell’acqua, potrà essere avviata anche in caso di mancata effettuazione della voltura del contratto (presso il competente Ufficio Tecnico – S.I.I.), in caso di subentro di un nuovo soggetto (anche erede), rispetto all’intestatario dell’utenza, nonché in tutti gli altri casi previsti dal vigente Regolamento Comunale, approvato con deliberazione di C.C. n.14/ 2017. 

- Qualora gli utenti riscontrino qualsivoglia errore nei dati in fattura (letture, n. matricola, dati anagrafici, C.F., ubicazione e tipologia utenza, ecc.) e/o malfunzionamento del contatore, sono tenuti a comunicarlo tempestivamente a entrambi i predetti Uffici competenti.

-

Fra le novità importanti si segnala quella per cui  si  automatizzerà il riconoscimento del       Bonus Sociale Idrico a tutti gli utenti già beneficiari del Bonus Elettrico e del Bonus Gas, il che faciliterà moltissimo il processo.

Infatti, essendo prevista la presentazione di un unico modulo di richiesta per i tre Bonus (Elettrico, Gas e Idrico) sembra naturale che se l’utente nel 2018 ha già ottenuto il riconoscimento del bonus elettrico e gas, questo beneficio sia esteso immediatamente           anche al servizio idrico.

MODALITA’ DI PAGAMENTO


I pagamenti delle bollette/fatture possono essere effettuati con le seguenti modalità:

-       Bollettino di c.c.p. n.16258907, intestato a Comune di Cerda – Servizio Idrico;

oppure

-       Bonifico bancario, cod. IBAN: IT49P 07601 04600 000016258907, intestato a Comune di Cerda – Servizio Idrico;

indicando sempre i dati anagrafici dell’utente, il n. utenza, l’ubicazione (via e n. civico), il n. di bolletta/fattura e il periodo di riferimento

 

 

Modelli:

- Richiesta Allaccio idrico

- Modello Autolettura

- Vademecum

- modello di Dichiarazione sul numero dei componenti occupanti l’abitazione con utenza S.I.I. con contestuale Richiesta di applicazione della Tariffa agevolata